Con La Rete Di Protezione si torna a casa del Commissario Montalbano. A cenare con le squisitezze di Adelina sulla terrazza fronte mare. E ascoltare il siciliano dalle bocche dei protagonisti. Ed è sempre un vero piacere. Perché questo accade quando si apre un libro di Andrea Camilleri sul Commissario, si torna un po’ a casa di chi conosciamo, che stimiamo e a cui vogliamo bene.

Insomma anche l’ultimo libro La rete di protezione non delude. Anzi, continua e cresce la fidelizzazione e l’affetto nei confronti dei personaggi e di chi ce li racconta.

Ne La rete Di Protezione la povera Vigàta è invasa dal set di una fiction di produzione svedese con relativi attori, le troupe e le comparse che riportano il paesaggio agli anni ’50.

Per essere più fedeli possibile nella ricostruzione degli ambienti e dell’aria che si respirava all’epoca, ai vigatesi la produzione chiede di tirare fuori le vecchie registrazioni Super 8 relative a quegli anni.

La Rete Di Protezione lo trovi QUI.

Una registrazione che inquadrava, anno dopo anno sempre lo stesso giorno, solo un angolo di muro con una crepa farà scattare nel nostro amato Commissario Montalbano.

La curiosità che si tramuterà in una indagine a posteriori. Mentre un’altra per avvenimenti più recenti, inerente lo a lui sconosciuto mondo degli adolescenti, lo assorbirà tanto da portare a galla la solita discussione con Livia che come spesso accade da Boccadasse richiede maggiori attenzioni.

Le due indagini hanno come trait-d’union il tema della protezione mentre ritroviamo quello del legame tra gemelli che già avevamo avuto il piacere di vivere in un precedente racconto.

Descritto ovviamente da una diversa angolazione ma che ci dà, ancora una volta, la misura della potenza di sentimento ed unione indissolubile.

I caratteri che si vogliono ritrovare in un libro sul Commissario Montalbano ci sono tutti. E lui sembra fresco e rinvigorito, col solito piglio che lo caratterizza e sempre molto umano. Che poi è ciò che ci piace.

LA RETE DI PROTEZIONE – SELLERIO EDITORE – 2017

   

Leggi anche: Le sorelle misericordia, Gli insetti sono tutti a dormire, L’isola di plastica, Le otto montagne, Orfani bianchi

 

No votes yet.
Please wait...
  • 2
  •  
  •