Terremoto, di Chiara Barzini, è un racconto pittoresco sull’America degli anni ’90. Dove per America s’intende una commistione di culture. Una sorta di globalizzazione pregressa, quella che poi si vedeva nei telefilm, ma anche nei film, più noti del tempo. Quelli che arrivavano in Italia, per intenderci.

C’è un pò di tutto in Terremoto, compresi i colpi di scena che non ti aspetti e ti strappano il cuore per farci quello che vogliono.

Perché la scrittura di Chiara Barzini è empatica. Trasmette sensazioni a ogni singolo passaggio. Si ha l’impressione che da un momento all’altro i riferimenti cambino. E così è infatti.

Dipinge un quadro americano che è come una scenografia di Hollywood, sfavillante davanti ma finta di dietro. Amore e odio ballano un girotondo alle volte macabro e alle volte estremamente divertente. Con una sincerità spiazzante che all’improvviso svela nuove verità.

Poi arriva il contrasto fortissimo tra quell’America globalizzata e una piccola e chiusa isola delle Eolie. Si passa dall’esasperazione di una Los Angeles imbizzarrita alla tranquillità eccessiva dell’isoletta sperduta e senz’acqua corrente. Sempre con il tocco sincero della protagonista che scoverà anche antidoti al malocchio con una bellezza insperata e lontana dalla normale quotidianità di una contadina locale.

Si ritorna poi in America, dove il viaggio diventa anche spirituale e introspettivo. Eugenia, la protagonista, scoprirà parti di sé che non aveva mai neppure sospettato di avere. Sarà l’America che la rende così? Con quei fattori esterni, estremi e conoscitivi al punto di suggellare anche l’anima sinceramente esploratrice di una diciassettenne?

Il lettore non avrà il tempo di darsi una risposta perché lo scenario cambierà ancora.

Terremoto, di nome e di fatto. Di tutto. Dalle più assurde e simpatiche dimostrazioni della famiglia di Eugenia fino ai suoi contrastanti sconvolgimenti emotivi.

Un viaggio dicevamo, dentro il cuore sincero e onesto di Eugenia.

Terremoto è un susseguirsi rocambolesco di eventi e situazioni al limite che coinvolgeranno il lettore dall’inizio fino alla fine. Tra valley, canyon, Topanga, le isole Eolie, Phil Collins, Johnny Depp e il suo agente, le droghe, l’alcol, i rave nel deserto, l’amore, quello libero, quello vero, gli indiani d’America, le Reebok fuori moda, i film che arrivano e che vanno e tanto altro ancora in un romanzo molto scorrevole e ben riuscito.

TERREMOTO – MONDADORI – 2017

Prezzo: EUR 16,15
Da: EUR 19,00

Leggi anche Il Rave Perduto, La Figlia Femmina e Ragazze Elettriche