Recensione di Cronache Dalle Terre Di Scarciafratta – Remo Rapino

Recensione di Cronache Dalle Terre Di Scarciafratta – Remo Rapino

Cronache Dalle Terre Di Scarciafratta, una citazione:

“Quelli dicono, ridendo, che non si può scrivere a un paese, che non si può scrivere ai morti, che sono mezzo matto, che non parlo con nessuno, a parte la luna. Io invece ci parlo con la luna e i morti, i miei e quelli degli altri.”

Cronache Dalle Terre Di Scarciafratta è un titolo che mi riecheggia in testa come le “Cronache della galassia” di Asimov.

L’assonanza non è casuale, perché entrambi i libri ci parlano da un altro mondo.

Ma, suggestioni a parte, il centro narrativo del racconto è un paesino.

Scarciafratta è una Macondo d’Abruzzo. Inerpicata tra i crinali dell’Appennino, è un teatro di fantasmi e di visioni.

Un terribile terremoto, la Cosa Brutta, l’ha svuotata. Le case sono ridotte a pietre che rotolano e si sfarinano, ma continuano a parlare. 

Sulla Rocca resiste per anni soltanto un uomo, Mengo, seduto su un uscio sotto un cencio di luna insieme a Sciambricò, un vecchio cane pastore dagli occhi chiari.

Scavando tra le macerie della scuola ha trovato i quaderni dei bambini, e anche un registro dell’Ufficio anagrafe che un impiegato aveva riempito di nomi, date, nascite, morti e sposalizi, di tutte le storie perdute del paese.

Alla fine della sua vita, per “ridare voce a quelli sommersi dalla morte”, Mengo le trascriverà una per una, a Villa Adriatica, la casa di riposo dove viene ricoverato. 

Fino all’alba del 21 luglio 1969, quando Neil Armstrong e Edwin Aldrin sbarcano sulla luna, mentre lui termina di scrivere l’ultima lettera.  

Cronache Dalle Terre Di Scarciafratta se vuoi lo compri QUI

Proseguendo lungo il sentiero inaugurato da Recensione di Vita, Morte E Miracoli Di Bonfiglio Liborio – Remo Rapino, già premio Campiello 2020, in Cronache Dalle Terre Di Scarciafratta Remo Rapino continua a raccontarci l’epopea degli ultimi, degli «spasulati», dei matti della sua regione.

Rapino ci regala un’elegia sulla memoria e sulla “scordanza”. Il passato e il presente diventano il flusso di un’unica narrazione.

Un racconto corale per restituire la dignità di un nome a chi è stato derubato anche del ricordo. 

Scarciafratta è una voce flebile di una geografia ormai muta. Dei nomi e delle vite che hanno le forme della neve che poi svanisce nel calore del sole. Di nomi abitati da sentimenti, allegri e tristi, da storie finite o mai cominciate.

I nomi sono ombre, le voci sono anime.

È l’assenza il fulcro della vita di Mengo, che da sempre ha avuto due passioni: “le persone che vanno via e le pietre che muoiono. Che poi sono la stessa cosa”.

Cronache Dalle Terre Di Scarciafratta è un j’accuse poetico alla nostra modernità che esorcizza la morte e, soprattutto, la marginalità sia esistenziale (i vecchi, i matti, i poveri) che geografica (paesini e borghi, tutto ciò che è periferico rispetto alle metropoli).

Siamo un popolo che ha reciso il suo legame arcaico con la terra, con i saperi antichi e con una dimensione ultima della vita umana, scandita dai tempi lenti delle stagioni e degli affetti profondi.

Bisogna reimparare a giocare con la vita. Apprezzarne le piccole cose, perché la morte prima o poi arriva. Ricordare che i racconti aiutano a sopportare il peso delle nuvole.

Bisogna avviare una rivoluzione minima, gentile: tornare ad ascoltare le voci, anche le più lontane. Sono le nostre radici. Che ci ricordano chi siamo, e da dove veniamo.

CRONACHE DALLE TERRE DI SCARCIAFRATTA – MINIMUM FAX – 2021

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: