Antonio, l'anima di Cibariando
Antonio, l’anima di Cibariando

Cibariando è un simbolo di come l’espressione personale possa arrivare a toccare le corde del gusto. Siamo stati attratti dalla particolarità del locale e dal calore e dalla professionalità di Antonio Turino e del suo staff.

Si trova a Jesi, nelle Marche, in Via Montello 4.

I tavoli all’esterno rispecchiano la filosofia del locale

Si entra nel ristorante e si respira un’aria diversa perché c’è qualcosa di profondamente ispirato che domina il locale.

In Cibariando domina il gusto sia in cucina sia in sala.

Non è possibile non fare caso alla diversa progettazione dei tavoli, più larghi per uno spazio ampio del convivio, e delle sedie, più comode per passare più tempo insieme.

Cibariando ha tavoli e sedie originali

In questo ristorante non si applica il famigerato, e tanto odiato dai clienti, doppio turno. Qua nessuno ha l’impressione di essere di troppo dopo aver consumato il pasto. Questo ragionamento non rientra nella filosofia del ristorante. Qua si sta per vivere un’esperienza culinaria come vuole la buona creanza della vera ristorazione.

Cibariando ha una storia tutta sua già a cominciare dalla ristrutturazione. Non sono stati comprati stock di mobili e vettovaglie. No, è stato tutto ragionato e mirato a un’idea, quella dell’anima del locale, che in quel momento era nella testa di Antonio.

E funziona perché l’arredamento invoglia a entrare e a sedersi, ordinare, e stare piacevolmente nel locale. Coccolati anche dalle attenzioni continue dello stesso Antonio e del suo staff, che sanno che se torni in un locale è anche perché ti ricordi di come ti hanno trattato bene.

In più, in Cibariando si mangia molto bene perché i piatti non stanno lì a caso ma sono studiati e assaggiati prima dallo stesso ristoratore.

il “Fritto dell’Adriatico”

Prendi il ‘Fritto dell’Adriatico’, una miscela di farine lo rende unico, croccante e asciutto senza unti che restino sui polpastrelli. Il pesce inoltre è freschissimo e fa sì che l’impasto si mixi alla perfezione.

Il pesce proposto sa esattamente di quello che ti aspetti. Non sono previsti brodetti o altri espedienti per gonfiare il sapore di un prodotto locale che non ha bisogno di nulla per risultare gustoso.

Ogni piatto è stato studiato per appartenere a un menù variegato e completo ma senza eccessi di offerta che possono confondere i clienti.

In Cibariando più che una cena, si fa una serata perché la permanenza sarà originale come i quadri appesi in sala, come il bagno stilosissimo e come il bancone fatto a mano dallo stesso staff.

Il bancone fatto a mano

Pur essendo un ristorante di pesce, ha anche una buona offerta per i fanatici della carne. Un’offerta che può variare anche in base alle esigenze dei clienti.

Taglionino Bianco Mare (cozze, vongole, calamari e gamberetti)
Tagliatelle al Ragù, dal menù per gli amanti della carne

La carta dei vini rispecchia molto il territorio ed è scelta in base alle scelte delle pietanze.

Un ristorante dove regna l’umiltà, la buona cucina e l’empatia, non può che essere un ristorante unico, che non passa inosservato e che va “vissuto” assolutamente.

La citazione di Oscar Wilde che accoglie i clienti in Cibariando

CIBARIANDO – JESI – 2020