Recensione di Dimensione Planisphere – Mariojunior Romersi

Recensione di Dimensione Planisphere – Mariojunior Romersi

Dimensione Planisphere. Avventura come parola d’ordine.

Il viaggio, l’avanscoperta, l’esplorazione. Tutto fa capo ad un un’unica volontà: quella dell’evasione.

Il voler evadere da una realtà che a volte è troppo monotona, ripetitiva. Troppo spesso una realtà che sta stretta.

E come fuggire se non con una barca?

Attraverso la passione della vela e la smaniosa volontà di possedere una propria imbarcazione, si viene traghettati verso un mondo nuovo, lontano mille miglia dall’abituale routine capace solo di imprigionare anima e corpo.

Con Dimensione Planisphere il lettore viene davvero trasportato, a volte travolto.

Roberto, istruttore di vela, insegue da sempre un sogno: possedere una barca.

Ma le sue umili origini lo avevano costretto, sin da bambino, a percepire i suoi desideri come semplici illusioni:

“Mi sentivo come in un recinto con pareti di vetro: potevi vedere le cose che erano all’esterno, ma non potevi raggiungerle.”

Dimensione Planisphere se lo vuoi lo compri QUI

A dir la verità, questa volta l’opportunità che bussa alla sua porta pare abbia il sapore di una fiaba a lieto fine. La sua “bambina” è pronta, avrà una barca tutta per lui:

“Perché la nostra vita è l’avventura, la scoperta, la sfida, la voglia di superare i limiti che la natura vuole imporre all’uomo.”

Finalmente il buon Roberto, in compagnia della sua fedele ciurma, lascia la sua consueta quotidianità fatta di impieghi abituali e di affetti stabili.

Sbarca in un piccolo paese del Maine per ritirare il suo gioiello, il Planisphere: “…era lì, ondeggiando soavemente sull’acqua. Era lucido, limpido, rifletteva la luce del sole accecando tutti.”

E qui ha inizio l’avventura. Non è poi così difficile diventare l’intimo custode di un profondo segreto.

Peripezie, palpitazioni, suspense a chili. A tratti l’avventura sembra trasformarsi in disavventura.

La vicina isola di Santkork somiglia ad una montagna troppo alta da scalare. Un mostro troppo difficile da sconfiggere:

“Tutto sembrava surreale. Ogni membro del gruppo credeva di essere in un film thriller e provava la sensazione di osservare la scena piuttosto che di viverla in prima persona.”

Dimensione Planisphere se lo vuoi lo compri QUI

Il romanzo di Mariojunior Romersi ha il merito di proiettare il lettore verso una dimensione estranea, nuova, per certi versi eccitante. Dimensione Planisphere, per l’appunto.

La sua scrittura lineare è un omaggio al coraggio, al bisogno di scoprire, al desiderio di sapere.

Il viaggio è lo stimolo per il cambiamento, l’incentivo per inseguire i propri obiettivi.

Pardon, i propri sogni:

 “…perché una persona muore quando smette di vivere per le cose che la fanno vivere.”

DIMENSIONE PLANISPHERE – EDIZIONI PROGETTO CULTURA – 2021

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: