Recensione di Il Caso Bramard – Davide Longo

Recensione di Il Caso Bramard – Davide Longo

Il Caso Bramard è il primo romanzo di una trilogia noir, opera di Davide Longo. Un thriller psicologico e avvincente.

Ad affascinarci sin dalle prime righe è il protagonista di questa storia: Corso Bramard. Facciamo la sua conoscenza, in una notte di fine primavera, mentre si sta arrampicando sulle “sue montagne”, quelle piemontesi. Ed è così che avviamo quel rapporto di confidenza con la sua mente carismatica, il suo essere di poche parole e con la sua sofferenza.

Unici custodi  dei suoi pensieri le creste severe, il vento e i precipizi.

Perché i segreti da svelare, via via, nel Il Caso Bramard sono molti. Chi è quest’uomo che ama avventurarsi, quando cala il sole, per sentieri complicati, pericolosi  quasi a  voler provocare la propria morte?

E in un crescendo equilibrato di rivelazioni e ricostruzioni capiamo che Corso ha un vissuto da poliziotto, addirittura da commissario più giovane d’ Italia.

Senza mai forzature nel Il Caso Bramard la narrazione scorre su due piani temporali: il passato e il presente, costretti poi a incontrarsi. Per chiarirsi quantomeno.

Nel passato troviamo Bramard, molti anni prima, uomo di punta della squadra omicidi di Torino. Impegnato a scoprire assassini, a conoscere, approfondire i lati oscuri della mente omicida. Fino a quando il destino non lo mette sulle tracce di un serial killer, soprannominato Autunnale per via della stagione in cui decide di uccidere.

Qual è il profilo di questo assassino? Sappiamo che le vittime prescelte sono le donne. Cinque quelle assassinate. Modus operandi lo stesso, ripetuto nel tempo. Come “un menometro” scandito dalla morte.

Il Caso Bramard se vuoi lo compri QUI

Mentre nel presente troviamo Bramard non più commissario. Non più investigatore di spicco della polizia torinese. Anzi, la sua esistenza ha preso una piega completamente diversa. Vive nella langhe piemontesi a pochi chilometri dalle sue montagne. Insegna in una scuola. Ha pochissimi amici.

Uno di questi è il commissario Arcadipane suo sostituto al momento dell’ addio alla polizia.

Pagina dopo pagina scopriamo sempre più i dettagli sul legame tra il nostro protagonista e Autunnale che è ancora libero. Libero di uccidere e “di reclamare” attenzioni da parte di Bramard con delle lettere che, periodicamente, gli fa recapitare.

Cosa è successo? Per quale motivo Autunnale, anno dopo anno, continua a scrivere al ex commissario ? Quale evento tragico li accomuna? Ma soprattutto tornerà a colpire? E quando?

«Era stato un gioco, all’ inizio innocente com’è il seme di ogni gioco, a mostrare ad Autunnale la strada per la bellezza che aveva cercato. Dopodiché, un’ intelligenza sottile, una natura votata alla compiutezza e la mancanza di ingombri morali l’ avevano portato a esplorarne le forme più esatte, fino a farsene maestro.»

IL CASO BRAMARD – EINAUDI – 2021

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: