Recensione di La Cucina Di Montagna – Slow Food Editore

Recensione di La Cucina Di Montagna – Slow Food Editore

La Cucina Di Montagna, di Slow Food Editore, è un esempio di come si possa scrivere un libro originale di ricette.

Diciamoci la verità, stiamo nella nazione per eccellenze delle tantissime ricette culinarie. Preparazioni che variano da regione a regione magari con un solo ingrediente che fa la differenza. Per questo diventa difficile inventarsi un modo particolare di comunicare cucina e territorio senza scadere nella banalità.

In La Cucina Di Montagna andiamo alla scoperta dei territori montagnosi che adornano l’Italia. Li scopriremo per tessuto sociale, abitudini e quindi anche pasti. Non andremo semplicemente a leggere resoconti locali ma ne impareremo storia, geografia e modi di vivere nelle zone montagnose.

“Se guardiamo alla forma geografica dell’Italia e con uno sforzo di immaginazione la consideriamo analoga a quella del corpo umano, le montagne che la percorrono in tutta la sua lunghezza, che ne cingono il capo e che perfino svettano sulle due grandi isole principali, sembrano fungere da scheletro, spina dorsale, da protezione alla testa e sostegno per quelli che potrebbero essere mani e piedi.”

Sarà proprio questa idea di spina dorsale a portarci in giro per l’Italia per scoprirne visuali e sapori. Per attraversarla tutta. E per ammirarne panorami mozzafiato semplicemente sfogliando La Cucina Di Montagna.

La Cucina Di Montagna se vuoi lo compri QUI

“L’Italia non sarebbe così tale, e non sarebbe così bella, se la sua geomorfologia fosse stata differente, se non ci fosse stata così poca distanza tra certe coste e certe catene montuose, se altre vette non avessero segnato i confini e protetto grandi città, se i vulcani non fossero esistiti, se i fiumi che scendono a valle non avessero reso così fertili certe terre, se i microclimi che si sono venuti a creare non avessero influenzato coltivazioni, allevamenti e altre attività produttive (e, perché no, turistiche).”

Un punto di vista simile spiega in toto quello che sarà la cura nei dettagli di ogni regione e delle sue ricette. Partiremo proprio dalla sua stessa geomorfologia che avremo in rilievo, spiegata nei dettagli.

Ma non solo questo sarà eclatante. C’è anche la riscoperta di luoghi dimenticati che per lontananza con le mete turistiche passano inosservati. Luoghi pieni di fascino e di storia al quale è dedicato ampio spazio.

Dopo avere scoperto materie prime e modi d’intendere la cucina, si passa alle ricette vere e proprie. Ricette che se volete potete gustare sul territorio d’appartenenza perché c’è anche il ristorante di provenienza.

Le ricette sono spiegate in maniera chiara ed esaustiva, abbracciano grandi classici come l’Amatriciana o i Canederli, ed esplorano tutto il nostro amato territorio montagnoso. Sono fruibili anche a chi non ha tanta dimestichezza in cucina ma vuole cimentarsi con ricette particolari.

Questo libro è anche un regalo speciale per quell’amico che se ne intende di cucina e vuole viaggiare con il proprio palato verso panorami d’altura.

LA CUCINA DI MONTAGNA – SLOW FOOD EDITORE – 2019

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: