Recensione di L’Isola Che Scompare – Fabrizio Pasanisi

Recensione di L’Isola Che Scompare – Fabrizio Pasanisi

L’Isola che scompare. “Mari, laghi, fiumi, boschi, nuvole, vento, verde, blu, marrone, piante, rocce, fiori: Irlanda!”

Il testo di Fabrizio Pasanisi propone un giro in Irlanda attraverso gli occhi di alcuni dei poeti più rappresentativi dell’isola, in particolare James Joyce e William Butler Yeats: “Il viaggio è rivolto alla scoperta dell’Irlanda, e questo è ovvio; ma l’idea è anche quella di ricalcare in qualche modo le orme dei due autori più celebrati della cultura locale.”

È un avventurarsi pacato, maturo ma piacevole. Sembra di essere seduti accanto a questi due maledetti poeti. Odiati e amati dalla propria gente. Anzi, prima odiati e dopo quasi amati.

“E quanto tempo hanno impiegato gli irlandesi a comprendere che dalla propria terra potessero venir fuori, insieme alle patate e alla torba, anche geni, geni assoluti?”

L’Isola che scompare se lo vuoi lo compri QUI

Si parte dal Sud, da Cork. Si sale verso le Cliff of Moher. Si arriva alla frizzante Galway. Si termina con Dublino. Il percorso è descritto vivacemente, offre spunti interessanti e aneddoti preziosi.

La vena poetica è una presenza costante, è un martello che risuona senza interruzioni nella testa del lettore. D’altronde, la poesia si sposa bene con il romanticismo del paesaggio raccontato: “Liberi noi, liberi loro, rendiamo grazie alla poesia, che ci restituisce intonsa la natura.”

Il panorama è quello mozzafiato, che toglie la parola. Solo chi ha viaggiato nell’isola verde può capire. Solo chi ha messo piede in questa incantevole terra.

L’Irlanda è qualcosa che ti entra dentro e rimane lì, ancorata per sempre.

“Pacatezza, amenità, piacevolezza, serenità, il mondo placido in cui ci siamo immersi dista anni luce dalle nevrotiche e affascinanti contraddizioni del paesaggio italiano.”

In L’Isola che scompare c’è un omaggio al mare, quel mare d’Irlanda così bello da lasciare a bocca aperta: “Siamo in Irlanda e l’Irlanda è un’isola: pioverà pure, farà anche freddo, ma il vero spettacolo è sul mare.”

Pasanisi nell’analizzare minuziosamente il paesaggio celebra con sincerità la gente irlandese. Gente con la scorza dura, gente vera. Gente di Dublino, come direbbe Joyce. O della costa, della campagna. Chissà.

“Vita semplice, vita dura, quella che va affrontata rimboccandosi le maniche, senza troppi perché.”

La narrazione scorre continua e rievoca con scrupolosità opere come Finnegans Wake o Ulisse.

L’Irlandese è allegro, spiritoso. Persino sfacciato. Per un turista alla ricerca “dell’irlandesità” affacciarsi in un pub può tramutarsi in un’esperienza mistica. Il bancone potrebbe diventare la sua prigione dove trascorrere ore e ore a bere. Magari anche gratis.

E a parlare. Qualora un’irlandese lo permettesse: “Quando si riflette sull’Irlanda, non si può prescindere dai suoni che evoca, e dalle sue voci. Dal gaelico, in primo luogo, così pieno di consonanti, di echi, di vibrazioni; ma soprattutto dal flusso continuo di parole che esce dalla bocca della gente.”

Perché, “Essi amano come pochi altri popoli parlare, raccontare, e attraverso il racconto sedurre l’interlocutore.”

L’Isola che scompare se lo vuoi lo compri QUI

L’Irlanda che scompare è una condivisione di emozioni, è spartire le sensazioni che ti offre un viaggio. Sensazioni buone. Come assaporare una birra: “Ma quella bella stout, forte, saporita, dicono sia un tonico efficace. Di certo scende giù bene, dà piacere, mette allegria, quella cui non è difficile abbandonarsi.”

Cosa penserebbero oggi i vari Joyce, Yeats, Beckett, Wilde? Cosa penserebbero di Temple Bar del XXI secolo, del Trinity College dei giorni nostri, del Blarney Castel ai tempi della Brexit?

Una cosa è certa.

“…il viaggiatore vivrà l’emozione di ritrovarsi in un luogo dove la vita continua a seguire il ritmo il sole, dove il vento resta il vero signore, dove il mare è la sola risorsa, amico e nemico, quella con cui l’occhio, la mente, il cuore devono di continuo confrontarsi, quella a cui il corpo invoca clemenza.”

L’ISOLA CHE SCOMPARE – NUTRIMENTI – 2014