Nuotando Nell’Aria è un leggiadro fiume di parole di Cristiano Godano dei Marlene Kuntz.

I Marlene Kuntz sono una band storica, e perfettamente in vita del panorama rock italiano, che ha evoluto le sorti della nostra musica nei fervidi e controversi anni Novanta.

In Nuotando Nell’Aria abbiamo il ‘racconto-non-racconto’ di 35 canzoni storiche dei Marlene Kuntz, quelle che compongono i loro primi tre album.

Dai preparativi di Catartica passando per Il Vile fino alle dinamiche di Ho Ucciso Paranoia con un espediente creativo che assomiglia più a un flusso di coscienza più che a una storica ricostruzione dei fatti.

I contorni sono ovattati, gli ambienti a volte chiari e a volte nebulosi e la messa a fuoco sulle scene varia da nitida a opaca a seconda dell’emozione che il racconto suscita in Godano.

La narrazione è schietta, profondamente sincera e improntata come una chiacchierata con i lettori. Che sia diretta a fans dei Marlene Kuntz o a un curioso qualunque poco importa perché la lettura scorre fluida e interessante tra ricordi e ragionamenti dedicati.

Nuotando Nell’Aria se vuoi lo compri QUI

Istantanee perfette si susseguono a schizzi astratti con il narratore che a seconda della canzone decide quale pennello usare per comporre il quadro del contesto, le vicissitudini e le motivazioni che hanno scaturito il racconto.

Sarà anche che la copertina gioca tra buio e luce, ma sembra di stare con Cristiano Godano in un luogo perfetto. Un grande casale, stile Ottocento per esempio. Con due grosse poltrone, antiche e comode, una per Godano e una per l’ascoltatore (lettore) rivolte verso un grosso camino acceso. Magari con un brandy in mano da sorseggiare appena. Oltre la scena di luce, il buio. E con Godano che proprio quella sera ha voglia di raccontare tutto quello che pensa delle 35 canzoni contenute nei primi tre album dei Marlene Kuntz.

Ci sono racconti che provengono dal mito: ‘Overflash’ per dirne una, con la leggenda di un amore per l’eroina, mai esistito. Ci sono storie che spiegano la nascita di canzoni uniche: come Sonica, per esempio, dove viene svelato chi è l’Orso della canzone.

E ci sono necessità dell’autore di tirare fuori e sviscerare con passione qualcosa che negli anni non è mai stato spiegato fino in fondo. Come quel ‘grammo di gioia‘ della canzone ‘Nuotando nell’aria’ che ha generato un falso mito, una diceria che con la canzone non c’entra nulla.

Insomma, Nuotando Nell’Aria è un libro che si fa leggere con piacere, che rivela tratti precisi di una rockstar e che racconta il dietro le quinte, mentale e fisico, di un gruppo che dagli albori fino a oggi, ha sempre trasmesso stupore e incanto con tantissima buona musica e un grosso bagaglio di esperienze emozionali.

NUOTANDO NELL’ARIA – LA NAVE DI TESEO – 2019