Recensione di Proprio Come Te – Nick Hornby

Recensione di Proprio Come Te – Nick Hornby

Proprio Come Te è una fotografia sulla vita di tutti i giorni. Su quello che potrebbe essere, che è stato o che invece non è stato.

Su quello che che se si vuole, si ottiene con la motivazione perché siamo esseri umani e in quanto tali abbiamo una vita governata dal tempo che scorre indisturbato.

In Proprio Come Te c’è Lucy, una quarantenne con poche pretese ma tanta sensibilità che affronta la vita con il coraggio di una mamma sola.

Lucy è sola perché Paul ha problemi di alcol e droga che celano inequivocabili una fragilità d’animo che non gli permette di essere il genitore, e il marito, che vorrebbe. Per questo motivo sono separati.

Lo sanno bene i due figli, Al e Dylan, che ne accettano le più stupide nefandezze e che ormai lo vedono bene solo fuori di casa.

Lucy compra la carne in una macelleria dove lavora Joseph, un ragazzo di buona volontà, con una ventina di anni meno di lei.

Joseph non ha lo stesso colore della pelle di Lucy ma quando ci si guarda nell’anima, non si vede neppure la differenza cromatica.

Proprio Come Te se vuoi lo compri QUI

Londra però non è così emancipata come vorrebbero raccontarci a noi di oltremanica. Anzi, ci sono ancora diffidenze e pregiudizi razziali che fanno riflettere anche noi semplici lettori.

L’autore, Nick Hornby, è bravissimo a mettere in evidenza il tessuto sociale che governa il pensiero comune dei quartieri e delle comunità in particolare. Comprese le dicerie e i luoghi comuni che allontanano le persone in maniera superficiale e ne complicano i rapporti umani

Lucy e Joseph invece sono bravissimi a resistere perché il loro legame va oltre ogni possibile ostacolo che gli si presenti di fronte.

Ogni possibile ostacolo, certo, ma non quando devono fare i conti con lo scorrere del tempo e rendersi conto che sono davvero differenti per la vita come la s’intende per convenzione umana.

Dovranno comprendere se hanno il coraggio di restare insieme con la differenza d’età e con due figli che amano Joseph ma che gli ricordano anche la vita precedente, e forse non molto lontana, di Lucy.

In una spirale di amorevoli e avvincenti colpi di scena assolutamente quotidiani andremo avanti nella loro storia d’amore non sapendo mai fino all’ultima pagina se riusciranno a restare insieme o se sarà l’ultima volta che si mollano.

Sullo sfondo, c’è il coro popolare della Brexit con i tantissimi punti di vista e le spaccature che ha creato questo cambiamento epocale avvenuto in Gran Bretagna.

Un libro assolutamente da leggere per rispecchiarsi nelle quotidiane difficoltà e per farsi una cultura su Londra e sui tanti pregiudizi che insidiano anche le metropoli più blasonate.

PROPRIO COME TE – GUANDA – 2020