Storytelling E Intelligenza Artificiale ci spinge a riflettere sulla rivoluzione digitale che stiamo vivendo e lo fa dal punto di vista dell’AI (Artificial Intelligence) e del cosiddetto ‘machine learning’, ovvero la capacità delle macchine di apprendere da noi umani attraverso dati e informazioni. Per esempio tramite i big data ma anche da un’altra miriade di nozioni che riguardano il campo prescelto di applicazione dell’intelligenza artificiale.

Joseph Sassoon racconta l’evoluzione dell’AI dagli esordi negli anni cinquanta fino ai giorni nostri. Passa per una serie di campi di applicazione anche lontani tra di loro dimostrando la versatilità dell’intelligenza artificiale.

Sono molti i possibili sviluppi collegati al mondo dello storytelling. Sono già stati fatti tentativi per esempio di sviluppo di una sceneggiatura originale completamente ideata da una macchina. Com’è l’interessante caso di ‘Sunspring’, un corto, forse strano, ma del tutto pensato tramite intelligenza artificiale e per questo assolutamente da guardare.

Storytelling E Intelligenza Artificiale traccia anche le basi di una storia raccontando un’affascinante visione, quella di Joseph Campbell, per la quale ogni storia deriverebbe da un’antesignana, una primaria, definita con il nome di ‘monomito’.

Nell’apertura del primo capitolo c’è una frase di Elie Wiesel “God created man because He love stories‘ (Dio ha creato l’uomo perché Egli ama le storie) che amplificherebbe il concetto che siamo fatti di storie. Senza di esse non potremmo essere così concreti e non avremmo un credo determinante che ci porta avanti e motiva tutta la vita.

In Storytelling E Intelligenza Artificiale vengono tratteggiati i possibili scenari del futuro dell’AI e le applicazioni di quegli algoritmi che stanno cambiando la nostra percezione del mondo digitale ma anche di quello che ci circonda.

Ci sono esempi di film come Star Wars e i suoi robottini per la visione benevola mentre c’è ampio spazio al film Matrix per gli aspetti che potrebbero diventare negativi.

Storytelling E Intelligenza Artificiale se lo vuoi lo compri QUI

I numerosissimi esempi calzanti sono a sostegno della tesi che presto anche nello storytelling si arriverà a un uso efficace delle AI.

Ancora le emozioni non sono grado di essere espresse da una macchina, ma possono essere catalogate e inserite come database che è sicuramente un inizio efficace.

Per il marketing, dove c’è ancora l’uso della formula ‘problema-prodotto-soluzione’ potrebbe essere più semplice uno storytelling efficace creato in base a big data, algoritmi e operazioni di calcolo.

Per il giornalismo, il cinema e la letteratura potrebbe diventare più complicato esprimere la creatività. Ma le AI si stanno attrezzando e anche abbastanza rapidamente per mettere in crisi quegli artisti che credono solo in una visione umana dell’arte. Sassoon, a smentire questo tipo di pensiero porta molti esempi. Di musiche create tramite l’intelligenza artificiale, di film catalogati come bestseller in aiuto delle AI per crearne di altrettanto successo e molti altri casi in altri ambiti artistici e letterari.

L’Intelligenza Artificiale quindi può entrare nel mondo dello storytelling intanto per aiutare lo stesso storyteller ad agevolare il lavoro. Fermo restando che presto, probabilmente nell’arco di una decina di anni, molte attività saranno gestite dall’intelligenza artificiale.

E’ un libro imperdibile, questo di Joseph Sassoon, che racconta in maniera esaustiva dove sta andando il mondo dello storytelling e quello delle AI. Una lettura che cambia la percezione delle storie. A partire dal monomito fino alle sfumature più complesse delle storie dei giorni nostri si chiude un cerchio che riguarda il racconto come una forma di sostentamento universale dell’uomo.

STORYTELLING E INTELLIGENZA ARTIFICIALE – FRANCO ANGELI – 2019