Uccidi I Tuoi Amici è un viaggio spregiudicato nell’industria musicale di fine anni Novanta.

Se vi siete chiesti come funziona una casa discografica, una major, per intenderci, questo libro fa per voi. Ne scoprirete i meccanismi più perversi, quelli più intimamente nascosti.

Ma Uccidi I Tuoi Amici non è solo una spiegazione dei meccanismi di successo di una hit musicale, con annessi e connessi. E’ una storia che se ne va da sé quando il protagonista fagocita le sue frustrazioni.

Steven Stelfox infatti, il protagonista, farcisce la sua vita da discografico con una montagna di eccessi. Droga, alcol, prostituzione, ma anche vili modi per denigrare il prossimo sono alla base della sua dipartita verso i risvolti infernali della trama.

Come quando un cocainomane si dispera per la fine dell’ennesima bustina, così Stelfox escogiterà l’improbabile e andrà a segno verso una dipendenza più alta, ovvero l’affermazione di se stesso calpestando tutto e tutti.

Passerà sopra ogni cosa pur di ottenere quello che il suo cervello intossicato gli consiglia sotto forma di apparente e impellente bisogno.

Uccidi I Tuoi Amici se lo vuoi lo compri QUI

Scenari splendenti, luccicanti da riviste patinate, si tingeranno dei colori della morte quando l’inesorabile sembra ineluttabile. Una sorta di roulette russa puntata sugli altri protagonisti, o antagonisti, della storia.

“Ho un paio di paroline per voialtri lì fuori che sperate tanto di pubblicare un disco: Andate. Affanculo. No, sul serio: i vostri genitori hanno ragione. Tanto vale che spendiate i soldi usati per comprarvi le corde della chitarra in biglietti della lotteria: le possibilità saranno più o meno le stesse.”

Uccidi I Tuoi Amici è un romanzo del 2008 di John Niven che arriva oggi in Italia e che conferma la potenza espressiva di questo gigante della letteratura contemporanea anche in tempi non sospetti.

Niven ha la capacità d’imprimere a una storia il proprio personale modo di scrivere. Un po’ come quando guardiamo un quadro e lo riconosciamo subito per il tratto delle pennellate. Tipo Van Gogh, tanto per fare un esempio.

Una sincerità espressiva che porta il lettore dentro un mondo con tratti espliciti di irriverenza, ogni sorta di immoralità e con un’ironia finissima ma incredibilmente tagliente.

Leggendolo, ci si può sentire scandalizzati, divertiti al massimo, s’impara sempre qualcosa e si entra in un mondo perfetto costruito da questo grande scrittore scozzese.

Uccidi I Tuoi Amici è un romanzo estremamente originale che vola tra le pagine. La curiosità brama per sapere il finale perché ogni passaggio è originale e dettato da una fantasia spregiudicata e libera da qualunque schema letterario.

Impossibile annoiarsi leggendo una storia di John Niven. E questo vale ovviamente anche per Uccidi I Tuoi Amici.

I colpi di scena sono sempre dietro l’angolo e chiunque può diventare un eroe per poi trasformarsi all’improvviso in un demonio.

Provate a resistere a Uccidi I Tuoi Amici e quello scellerato di Steven Stelfox farà di tutto per convincervi del contrario.

UCCIDI I TUOI AMICI – EINAUDI – 2019