Recensione di Una Relazione – V. Gaia – S. Sardo

Recensione di Una Relazione – V. Gaia – S. Sardo

Una Relazione come nasce? Come sopravvive al tempo. E quando finisce perché accade?

Questo romanzo entra nelle pieghe di una vicenda personale quella di Alice e Tommaso. Coetanei, lei 37 lui 40 anni, in coppia da quindici.

Entrambi originari di Torino, conosciutisi e messi insieme poco più che ventenni, decidono di trasferirsi a Roma per coltivare ognuno la propria passione. Lei la recitazione, lui la musica.

In Una Relazione Roma diventa la città testimone del loro rapporto fatto nel tempo di: amore, litigi, sesso, cura, noncuranza, dialogo, silenzi, allegria, lacrime, nottate insieme, viaggi, lavori precari, progetti tanti. Una casa.

Gli anni passano. Crescono insieme. Anche la distanza cresce. Arrivano le prime domande. I primi dubbi. E le prime risposte.

La narrazione, condotta a doppia voce dai due protagonisti, è sincera e spiazzante. L’ intera storia è ambientata ai giorni nostri, ad eccezione di alcuni flashback che ci fanno prendere le misure del loro stare insieme.

Il sipario si apre con una luce puntata su Alice e Tommaso. Durante una cena, quando viene comunicato agli amici la propria decisione di lasciarsi.

Neppure fosse una lieta notizia i due “annunciano” l’ intento di volersi separare in maniera “Bio” o meglio continuando a convivere finché necessario. In modalità amichevole e senza strappi dell’ anima.

Ma è realmente possibile? Con quali ostacoli e fragilità dovranno realmente scontrarsi? Quale dolore cercano entrambi di evitare?

In Una Relazione, pagina dopo pagina, entriamo nella quotidianità di entrambi. Accogliendone il senso di smarrimento. Identificandoci con le loro debolezze.

Una Relazione se vuoi lo compri QUI

La storia scorre addentrandoci sempre più nel vivo dei motivi, che li hanno spinti a dividersi. Attraverso una ricostruzione ironica e amara del tempo passato l’ uno con l’altra.

Forse non è sempre un evento scioccante come un tradimento a causare la fine di un sentimento. Forse pesano di più i silenzi. I sogni non condivisi. I litigi evitati. Le paure non confessate. Gli abbracci non dati.

Chissà se Tommaso e Alice li rivedremo mano nella mano ancora. Io ci spero… chissà.

«Il fatto è che vista da fuori una coppia di lunga durata è un’ entità immutabile, granitica, una certezza nella vita altrui, ma vissuta da dentro richiede un lavorio costante, nulla è scontato né garantito nel continuo subbuglio di slanci e assestamenti, aggiunte e rinunce, corse e attese. È come un’ equazione complessissima in eterno divenire nel mutamento continuo dei due fattori base, una trasformazione incessante che solo tu conosci, che gli altri minimizzano, dato che, in ultima analisi, il risultato finale non cambia mai. Finché un giorno ti lasci, tutto scompare, e non sai più chi sei.»

UNA RELAZIONE – HARPERCOLLINS – 2021.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: