Recensione di Creatività, Memoria E Territorio – Pietro D’Agostino

Recensione di Creatività, Memoria E Territorio – Pietro D’Agostino

Creatività, Memoria E Territorio è un titolo perfetto per un’incredibile raccolta di ricette dello Chef Pietro D’Agostino.

Un’ode a un territorio pieni di risorse incredibili, la Sicilia, dai panorami mozzafiato dove la gente ama il gusto prima di ogni cosa e apprezza e sa farsi apprezzare dagli amanti di cucina e viaggi.

In Creatività, Memoria E Territorio andremo alla scoperta prima di tutto della vita avventurosa di un uomo che ha deciso che doveva comprendersi cercandosi in giro per il mondo.

Con umiltà e devozione ha intrapreso la carriera partendo dalle navi crociera e andando in giro per i ristoranti e gli alberghi del mondo per apprendere direttamente sul campo tecniche e preparazioni.

Arriva sempre il momento dentro di noi di una ‘messa a fuoco’ con la nostra anima, un equilibrio tra la vita esteriore e quella interiore. E così è andata per lo Chef D’Agostino che a trentuno anni è tornato nella sua Sicilia e nella sua Taormina per aprire il ristorante Capinera. Un luogo dove il suo cuore e le sue esperienze incontrano i prodotti del territorio. Si coniugano in maniera unica, originale, magistrale per inventare ricette che racchiudono i sapori antichi ma che tendono sempre verso la creatività più fruttifera del gusto e del piacere della tavola.

Creatività, Memoria e Territorio se vuoi lo compri QUI

“C’è un viaggio a cui l’uomo non dovrebbe mai rinunciare nella vita: quello dell’anima, mettendo in valigia solo gli effetti personali davvero indispensabili: passione, curiosità, incoscienza, immaginazione, stupore, coraggio, fiducia, condivisione.
Da ragazzo ho preso un bagaglio e ho girato il mondo.
Sono tornato, ho aperto la mia cucina di fronte al mare e ho condiviso il mio mondo.”

Le ricette hanno quattro temi dominanti come la terra, l’acqua, il fuoco e l’aria. Si comincia con ‘Palamita “mon amour”‘ e si finisce con ‘Torte di cachi con crema al limone Interdonato’.

Ogni ricetta della trentina presente nel libro è raccontata con empatia come se avessimo la fortuna di una spiegazione dal vivo. Il linguaggio è semplice, fruibile, quasi colloquiale appunto, e rende la lettura molto coinvolgente. Gli ingredienti sono spiegati con precisione meticolosa. Le foto illustrative, e decorative, dei piatti aiutano a comprenderne la riuscita nelle ricette.

C’è una costante ricerca nel fare incontrare ingredienti apparentemente lontani (come nella ‘Triglia croccante con lardo di suino nero dei Nebrodi, funghi e patate dell’Etna’) amplificandone le potenzialità e creando ovviamente pietanze originali da acquolina in bocca.

“Per una buona cucina, la prima regola è metterci passione.
Il buonumore e la passione sono la follia più autentica della vita.”

Nulla è lasciato al caso in Creatività, Memoria E Territorio. Un libro che arricchisce sicuramente la nostra biblioteca culinaria e impreziosisce la nostra esperienza in cucina.

La bellissima edizione lo rende anche un’ottimo regalo per l’appassionato/a di cucina di pesce, di mare e di Sicilia.

CREATIVITA’, MEMORIA E TERRITORIO – TRENTAEDITORE – 2021