Dove Finiscono Le Parole è la storia di una vita, scolastica ma non solo, in salita ripida e di come Andrea, con ramponi e tutto l’occorrente, sia faticosamente riuscita ad arrivare in cima alla vetta.

Andrea Delogu, presentatrice e conduttrice tv, ironica speaker radiofonica, che sempre volentieri ascolto il pomeriggio in radio (RaiRadio2), che ha diretto una trasmissione con Renzo Arbore e Nino Frassica… è dislessica!

Il che ad oggi non fa così strano, ma quando è stata bambina e studentessa lei, la dislessia non era diagnosticata né compresa.

La dislessia è un disturbo del neuro sviluppo che va a rompere le scatole alla nostra capacità di leggere, scrivere e fare di conto. Il che nel periodo della scuola, se non diagnosticata, può rendere la vita davvero un inferno.

Quindi i professori, i genitori, e anche lei stessa, per anni hanno pensato che “Sì, è sveglia ma non si applica, o comunque rende poco”.

Andrea ha fatto sempre più fatica degli altri, ma ha straordinariamente continuato a studiare, ad essere curiosa, a trovare mille soluzioni ed escamotage ai problemi che mano a mano le si ponevano di fronte.

Ha continuato a credere che un giorno si sarebbe “sbloccata”.

Dove Finiscono Le Parole se lo vuoi lo compri QUI

Ho apprezzato molto la lettura di Dove Finiscono Le Parole perché è, oltre che scritto davvero bene, un racconto schietto, di un’epoca, di una situazione singola e particolare ma in cui oggi tanti, tantissimi, si rispecchiano e da cui possono trarre conforto e insegnamento.

Andrea Delogu è cresciuta in una comunità, condividendo molto delle propria vita familiare, con due genitori che l’hanno sempre appoggiata e spronata, seppur certamente tra qualche dispiacere e preoccupazione nel vederla sempre un passo indietro nei risultati.

Attraverso questo libro torniamo, con lei, per un po’ ad essere studenti, prima alle elementari, poi medie, liceo… riesce a farci ripercorrere il nostro iter scolastico attraverso la narrazione del suo.

Fino alla scoperta (condivisa con la mamma) del suo disturbo, all’aiuto da parte della tecnologia e all’accettazione della situazione.

La stesura del libro, almeno dal mio punto di vista, sembra catartica, liberatoria, tira fuori tutto come in una lunga e soddisfacente seduta di analisi da cui poi esci leggera come una piuma.

Bellissimo il fatto che Dove Finiscono Le Parole è scritto con il font Easy Reading, cioè con un carattere ad alta leggibilità, che consente davvero a tutti di leggere, capire e godere della lettura!

Chi ha un disturbo dell’apprendimento basta che si approcci allo studio diversamente e nella vita non avrà ostacoli insormontabili, ed è molto importante continuare a parlarne per ampliare le conoscenze e la consapevolezza rispetto a questo tema.

Questo è il succo del secondo bel libro di Andrea Delogu.

L’unica cosa è che ora mi è rimasta una curiosità…  quando deve leggere il gobbo o la scaletta di un programma mentre è in video esattamente come fa?

Quali sono gli escamotage della Andrea adulta e consapevole?

DOVE FINISCONO LE PAROLE – RAI LIBRI – 2019