Il Prosecco In Cucina è un’ode coraggiosa. Si lancia in un mondo nuovo culinario che affonda le sue radici nell’entroterra veneto.

Armando Zanotto è un ragazzino quando si diverte nell’osteria dei genitori a San Polo di Piave, nel trevigiano. Ancora non sa che in lui si è innescato un processo creativo che lo porterà dalla tradizione fino alla sperimentazione in cucina.

Con gli occhi impara quel mondo che nella trattoria di mamma e papà è portato avanti con serietà e passione e che un domani trasformerà quella piccola trattoria in un ristorante rinomato, ovvero il ‘Gambrinus’.

In Il Prosecco In Cucina, c’è raccontata prima di tutto la storia di uno chef appassionato. La vita nelle sue tante sfumature lo incuriosisce e lo spinge a cercare un punto di vista originale che lo distingua nel suo mondo. La cucina è ricca di tantissimi spunti ma anche vittima di ripetizioni e ovvietà. Da qui lo chef lastrica la sua strada d’idee nuove. Come creare un menù apposito per il radicchio, verdura all’occhiello del Veneto, e porre il prosecco al centro delle fantasie culinarie.

Già, perché è cosa nota che il suo impiego sia già presente in alcune sfumature di piatti ma la sua presenza fino a oggi è stata laterale, come attore non protagonista per intenderci.

Invece, lo chef Armando Zanotto, proprio questo fa, prende il prosecco e lo mette al centro di un’idea di cucina. Come ingrediente insostituibile.

Così, scrive nelle prime pagine:

“Scrivendo questo ricettario dedicato al Prosecco, ho ripensato alla mia vita. Al mio passato. Alle difficoltà e alle fatiche che ho incontrato, ma soprattutto ai successi e alle soddisfazioni che mi hanno gratificato. E credo di poter affermare di essere un uomo felice.”

Il Prosecco In Cucina se vuoi lo compri QUI

Poi si passa alle ricette, un centinaio in tutto, divise tra aperitivi, ricette di base, antipasti, primi, secondi di pesce, secondi di carne, contorni, formaggi e dolci.

Molti degli aperitivi sono assolutamente da provare. Un esempio? Il ‘Fiori di rosmarino nel Prosecco Superiore di Cartizze’.

Le ricette di base danno subito un taglio estremamente originale al libro con la ‘Salsa di Prosecco con il succo degli acini’ o la ‘Maionese al Prosecco’. Oppure ‘Il mosto d’uva Prosecco in miele’ o la ‘Salsa al Prosecco’. O ancora la ‘Polenta cotta nel Prosecco’, la ‘Besciamella di Prosecco’ e il ‘Prosecco aromatico in aceto’.

Tra gli antipasti c’è l’imbarazzo della scelta, un nome che colpisce è quello di ‘Gli acini del Prosecco con la prosperosa faraona’.

I primi spaziano dal ‘Ristretto di brodo di pesce con Prosecco e branzin’ fino alla ‘Pasta e fagioli al mosto di Prosecco’.

Secondi di pesce e secondi di carne sono un invito a scoprire quanti sapori possiamo scoprire in un libro solo. Qui in redazione, abbiamo puntato ‘Il pollo cotto nell’uva di Prosecco’ e i ‘Filetti di tonno caramellati negli acini di Prosecco’, ma ripeto ce n’è per tutti i gusti e palati.

Contorni, formaggi e dessert sopiscono ogni altra possibile incertezza sull’uso del Prosecco in cucina. Per esempio col ‘Formaggio affogato nel Prosecco’ o con ‘Radicchio e fagioli al mosto del Prosecco’ o con il ‘Tiramisù con acini d’uva Prosecco’.

Il Prosecco In Cucina è un libro molto fruibile anche per chi non ha molta dimestichezza in cucina. Ha una bellissima edizione che lo rende un regalo per l’amico appassionato. E anche per l’amico appassionato che parla solo inglese perché è tradotto a fronte.

IL PROSECCO IN CUCINA – DARIO DE BASTIANI EDITORE – 2019