Recensione di Quasi Una Storia D’Eroi – Ettore Gula

Recensione di Quasi Una Storia D’Eroi – Ettore Gula

Quasi Una Storia D’Eroi è il secondo fumetto edito dalla Neo Comics che leggo dopo Tristezza, è un racconto agrodolce, epico e lo amo tantissimo!

La copertina è diretta, potente ed essenziale, ha suscitato subito la mia curiosità… poi l’ho sfogliato inoltrandomi tra le sue pagine ed ho trovato la bellezza nei disegni, che sono morbidi con le ombre a farla da padrone.

Sono loro infatti a decidere cosa svelarci e cosa farci solo immaginare, mentre le linee sembrano assorbire la spigolosità e la forza delle tematiche sociali che affronta.

E tutto è godibile e semplice, nel senso più alto del termine, in ciò che vuole dirci e nel come ce lo dice… gli occhi sulle tavole scorrono come scorrono le vite dei tre ragazzi di cui Ettore Gula ci racconta.

Siamo in periferia, e dentro due appartamenti vicini in un grigio palazzone abitano un ragazzo, Ugo, con la madre che lo vessa in continuazione e accanto una giovane coppia , Franco ed Erika, con una bambina.

Franco è un violento e un criminale, un cattivo nel suo piccolo, mentre Erika è sua succube, ma più per un deciso autolesionismo che altro.

È Ugo il narratore, seguiamo lui inquadratura dopo inquadratura, mentre si intrufola silenzioso di notte nella casa dei suoi problematici vicini.

E lo fa solo per osservare Erika mentre dorme, i suoi fini lineamenti, prenderne qualche cimelio, come la statuetta da ballerina che ha sul comodino, un reggiseno, per poi tornare a rintanarsi in casa.

In una casa che lo respinge, in cui l’amore materno ha lasciato tutto lo spazio a dinamiche malate da cui è difficilissimo tirarsi fuori.

Ugo usando pochissime parole nelle 300 pagine di tutto Quasi Una Storia D’Eroi, riesce a raccontarci molto.

Quasi Una Storia D’Eroi se vuoi lo compri QUI

Della solitudine, della vita che a volte ci schiaccia e da cui ci facciamo schiacciare, di come pur facendo cose che non si possono fare, ma che ci servono per prendere una boccata d’ossigeno prima di tornare in apnea, possiamo illuderci di non fare nulla di sbagliato, dell’intimo rapporto che esiste tra il dove vivi e il come vivi.

Il grigiore della condizione in cui i protagonisti si trovano e la voglia di riscatto della propria esistenza che ciascuno esprime in una maniera diversa sono elementi che spiccano.

La storia prende ad un tratto una piega inaspettata e i tre dovranno gestire diversamente ciò che stanno vivendo, capovolgere la prospettiva, vedersi con nuovi occhi, perché rapidamente tutto è cambiato…

In Quasi Una Storia D’Eroi l’atmosfera è impeccabile e nessuno viene salvato dall’autore, nulla viene risparmiato ai suoi protagonisti, rendendo tutto più affascinante.

Questo è uno dei fumetti più teneri, reali e appassionanti che io abbia mai letto, uno di quelli in cui la storia narrata è davvero perfettamente accompagnata dai suoi disegni, che ci restituiscono il giusto sentimento col quale leggerlo.

QUASI UNA STORIA D’EROI – NEO COMICS – 2021

One thought on “Recensione di Quasi Una Storia D’Eroi – Ettore Gula