Recensione di Un Gioco Da Ragazzi – Enrico Ruggeri

Recensione di Un Gioco Da Ragazzi – Enrico Ruggeri

In Un Gioco Da Ragazzi, Enrico Ruggeri ci racconta le vicissitudini della famiglia Scarrone, dei tre fratelli Mario, Vincenzo e Aurora. Dalla loro infanzia al ridosso del dopoguerra fino alla loro crescita.

L’autore nel narrare la storia di una famiglia, ci racconta anche le vicende del nostro Paese. Le evoluzioni storiche e politiche di una Italia alla rincorsa del progresso ma sempre con un piede nelle vecchie ideologie e nei contrasti sociali e politici.

La famiglia Scarrone è una famiglia medio borghese, Carlo Scarrone è un professore universitario, dell’Università Cattolica di Milano, incontra e ama da subito Anna Rustici.

Insieme formano quella famiglia tanto sognata, nei periodi duri della guerra, convinti che con la rinascita economica tutto sarà più facile per loro.

Dalla loro unione nascono tre figli: i primi due, Mario e Vincenzo, uno dietro l’altro, quasi ‘gemelli’, l’ultima Aurora, dopo un poco di tempo in più.

I fratelli crescono insieme, giocano insieme e insieme frequentano la scuola. Ma sin dagli inizi del liceo, le loro strade si separano inesorabilmente.

Un Gioco Da Ragazzi se vuoi lo compri QUI

Mario vive nell’idea che il cambiamento passi attraverso quella rivoluzione che la sinistra estrema, nella metà degli anni Sessanta, trasforma in lotta armata.

Vincenzo, radicato nelle convinzioni elitarie di una destra che in molti ancora chiamano fascista, cresce nelle case lussuose degli amici, nel bel mondo, anch’esso armato, convinto che il cambiamento si possa affermare solo attraverso la violenza.

Entrambi i fratelli, negli anni amari delle lotte studentesche, delle brigate rosse, delle bombe e degli assassini, si troveranno dalla parte opposta delle barricate.

Con il loro ottuso vivere dimenticheranno l’amore per la famiglia, si perderanno in una spasmodica ricerca della giustizia e della lotta per l’affermazione dei loro ideali.

Ma alla fine ne varrà la pena?

Le loro vite spese dietro alla lotta per l’affermazione di ideali, che forse alla fine nemmeno condividono, avranno un riscatto, una giusta ricompensa?

Essere stati per tutta la loro esistenza uno contro l’altro ne sarà valsa la pena?

Nel finale di Un Gioco Da Ragazzi arriverà un’amara verità.

La conclusione di un tragico periodo storico per l’Italia, che ha lasciato a terra solo morti e feriti senza riuscire veramente a realizzare quegli ideali di libertà e uguaglianza tanto agognati.

Nessun vinto, nessun vincitore.

Un ottimo romanzo per non dimenticare la nostra storia.

UN GIOCO DA RAGAZZI – LA NAVE DI TESEO – 2020

Lascia un commento