Il 9 novembre scorso abbiamo partecipato a Excellence 2019, appuntamento romano con l’eccellenza culinaria che si è tenuto dal 9 all’11 novembre nella splendida cornice della Nuvola di Fuksas.

Una vera e propria kermesse dedicata al gusto, ai cibi, alle bevande di qualità, alle eccellenze enogastronomiche italiane, dove ben 100 chef, molti dei quali stellati, sono stati altresì protagonisti di cooking show. Tema di questa edizione 2019, la fiducia: fiducia nella nostra economia, ma soprattutto fiducia nei giovani.

Non è mancata ovviamente una nutrita presenza di aziende espositrici, molte affezionate a Excellence, altre new entry accolte.

Noi abbiamo esplorato l’area Tasting, ove abbiamo avuto modo di degustare le materie prime, i salumi e i prodotti caseari, i vini e i liquori facenti parte del gotha della produzione enogastronomica laziale e italiana, oggetto sia di piccola che grande distribuzione.

Visitando i vari stand di Excellence 2019, ci siamo intrattenuti a chiacchierare con i produttori ed i distributori. Abbiamo ricavato una miriade di informazioni in merito ai processi produttivi dei prodotti partendo dalla grande qualità delle materie prime, i metodi di conservazione, gli animali ed i foraggi, i sott’oli. Insomma tutta l’esperienza sul campo maturata in tanti anni di attività, raccogliendo tante piccole chicche che danno solo un’idea della varietà e delle peculiarità del sistema agro-alimentare italiano.

In particolare, presso lo stand di Cibaria, l’agente Michele Fadda ci ha parlato della mission dell’azienda nel solco del “buono ma sano”, attraverso la produzione di ingredienti di eccellenza a bassa salinità: abbiamo assaggiato il loro pecorino romana DOP, il guanciale “San Rocco”, il guanciale di Bassiano e il baccalà ammollato, riscontrando la qualità e la veridicità di quanto detto, ma assolutamente non a scapito del sapore.

(cliccare sulle immagini per ingrandirle)

L’azienda agricola Serpepe, invece, produce salumi di cinta senese, attraverso la selezione dei maiali neri detti “Cintarelli”, recuperando un’antica razza che si stava perdendo, alimentati con metodo biologico e allevati allo stato brado. Presso la loro postazione abbiamo assaggiato lardo, coppa di testa, prosciutto e salame. Tutti di eccellente gusto e qualità, abbiamo anche parlato con la titolare, la Sig.ra Domenica Fiorentini.

Allo stand dell’azienda vinicola La Scolca abbiamo sorseggiato i loro Spumante metodo classico Blanc de Blancs 36 mesi e Brut millesimato D’Antan 120 mesi di invecchiamento.

Allo stand dell’azienda vinicola Cincinnato abbiamo avuto modo di assaggiare le novità vinicole Enyo (Bellone in purezza) e Kora (nero buono, selezione autoctona di Cori).

Dall’azienda Grufà abbiamo testato la grande qualità dei loro insaccati: la tipica salsiccia di Monte San Biagio, il prosciutto, la lonza, la pancetta sughereta.

Allo stand dell’Azienda Agricola D’Ascenzo, invece, la loro ottima selezione di formaggi ovini stagionati e freschi.

Presso quello dell’Azienda Bernardini Gastone la loro ampia selezione di insaccati affumicati al legno di faggio, con una menzione particolare per l’Angus che ci è piaciuto molto.

Mentre presso lo stand dell’Antico Pastificio Zaffiri ci hanno parlato della loro filosofia che punta a garantire la qualità come principale obiettivo al fine di mantenere la loro pasta un prodotto di stampo artigianale, arrivati ormai alla quinta generazione dalla fondazione dell’azienda.

Ecco la lista, che non rappresenta in alcun modo una classifica, delle altre Aziende e degli altri stand che ci sono piaciuti:

Azienda vinicola Capizucchi –Roma

Ferrari Farm  – Petrella Salto (RI)

Biosolidale – Guidonia Montecelio (RM)

Cantine Silvestri 1929 – Lanuvio (RM)

Cantina Pisan-Battèl – San Severo (FG)

Formasal Distribuzione S.r.l. – Roma

Caviar Import S.r.l. – Gardigiano di Scorzè (VE)

Caseificio Agricolo Radichino – Farnese (VT)

Italagrikola Soc. Agr. a r.l – Blera (VT)

Patatas Nana S.r.l. – Senigallia (AN)

I Roscilli – Sora (FR)

Azienda Agricola Francesco Gabriele – Villapiana (CS)

EXCELLENCE 2019 – INVIATI MICHELE BERRETTA E ANDREA PAOLUCCI