Recensione di Lazio Prezioso 2021

Recensione di Lazio Prezioso 2021

Lazio Prezioso 2021 è stata un’ottima ripartenza per le cantine vinicole laziali.

L’anno scorso, l’ideatore della manifestazione, Cucina&Vini, aveva dovuto rinunciare all’evento a causa dell’avvento del Covid-19. Come è stato possibile riprovarci, ha riproposto subito l’evento per aiutare a far ripartire di slancio il settore vinicolo, anche esso duramente colpito dalla pandemia.

In Lazio Prezioso 2021 abbiamo degustato più di venti etichette laziali. Siamo andati quindi alla scoperta di un territorio che da vent’anni vuole privilegiare la qualità rispetto alla quantità.

E lo abbiamo fatto in un posto che invoglia a vivere una favola come la Villa Parco Della Vittoria, dove il panorama di Roma fa da sfondo a un luogo studiato a intrattenere nel modo giusto sia il pubblico sia gli addetti ai lavori.

(cliccare sulle immagini per ingrandirle)

Già, perché se si può ammettere una direzione diversa in passato, c’è proprio il bisogno di concentrare il punto sul fatto che prima privilegiassero l’istinto di soddisfare il grosso bacino di utenza di Roma e di tutto il Lazio a discapito delle proprietà organolettiche del vino.

Invece vitigni come Bellone e Malvasia Puntinata diventano nuovi esempi di produzione autoctona e di qualità del prodotto finito.

Ecco che allora gli enologi cominciano a scoprire nuovi incontri di sapore e gusto e, finalmente, anche a sperimentare con le produzioni del Lazio. Così da inventare una nuova proposta variegata e valida per tutti i tipi di vino

Così siamo andati alla scoperta di Lazio Prezioso 2021, ovvero facendoci trasportare dai sensi in una degustazione empatica, complici anche i produttori presenti all’evento.

Oltre al pensiero comune che Roma non è solo Colosseo ma può essere anche un ottimo vino in bottiglia da riportare a casa dopo una visita turistica, abbiamo scambiato molte chiacchiere sulle possibilità dei vitigni nel Lazio.

In particolare, ci ha colpito la passione nel raccontare la propria terra del rappresentante di Cantina Castello di Torrimpietra. Ci ha spiegato da quanto tempo si dedica alla produzione di vini. Dalla Malvasia Puntinata allo Chardonnay, al Vermentino fino al Roma Rossa Riserva in una cultura che da una ventina di anni ha virato sulla filosofia biologica, forte di oltre cinquecento anni di produzione vinicola.

Anche Cantine Silvestri ci ha colpito perché era presente la terza generazione di viticoltori. Nonostante il periodo, hanno puntato al rilancio proponendo oltre al loro prodotto di punta, lo spumante, nuovi prodotti provenienti dai loro vitigni. Una scelta coraggiosa che fa capire la passione e la voglia di consolidare la tradizione puntando però la mira verso un futuro creativo.

L’atmosfera è stata coinvolgente per ogni etichetta degustata e visto il periodo complicato abbiamo deciso di elencarvi tutte le case vinicole presenti a Lazio Prezioso 2021. Anche perché vista l’offerta sarebbe stato complicato favorirne qualcuna rispetto a qualcun altra.

(cliccare sulle immagini per ingrandirle e sui nomi per i siti di riferimento)

Un tempo incerto ha dimostrato le capacità dell’organizzazione nel gestire temporali e piogge improvvise tenendo grazie alla scelta della location fino al rasserenarsi della serata.

LAZIO PREZIOSO – CUCINA&VINI – 2021