America, di Andy Warhol, è un mix perfettamente riuscito tra parole e immagini. Come vuole la buona tradizione della produzione artistica dell’icona pop per eccellenza.

Uscito negli Stati Uniti d’America nel 1985, arriva in Italia come un collage di presente e passato americano. Già, perché molti argomenti trattati in questo splendido resoconto del tempo, restano attualissimi.

Warhol indaga sulle proprie origini e sul bisogno di guardarsi intorno, fino a quando parte con il viaggio visivo corredato da un flusso di parole a modi diario.

America se vuoi lo compri QUI

Così si parte dall’infanzia in Pennsylvania e si studia il perché del viaggio in sé con un commento molto attuale dovuto ai vari mezzi di comunicazione. I mass media infatti hanno il potere di farci viaggiare comodamente seduti da casa. E questo Warhol lo sapeva già ai primordi della diffusione della tv via cavo e di quella satellitare.

Lui avrebbe voluto girare tutte le feste del mondo comodamente sdraiato sul letto mentre fissava un monitor. Vi ricorda qualcosa forse? Come tipo i reality show?

Già, ma qua parliamo degli anni Ottanta, quando ancora nulla si sarebbe immaginato tra Grande Fratello e le successive evoluzioni televisive e in seguito del web.

L’America raccontata dall’inventore della pop art è sterminata per usi e costumi, ricchezza e povertà, modi di fare e modi di dire, capacità di stare al mondo e di creparci in seguito.

Tutto magicamente ‘coreografato’ dalle splendide foto in bianco e nero che ne esaltano il contenuto.

America se vuoi lo compri QUI

Così siamo in un milione di posti, in una vetrina di un negozio, con gente assurda, la più disparata, povera o ricca, eccentrica o barbona, che sembra perbene ma magari ha un secondo volto macabro, sadico o depresso. Diventiamo ricchi, siamo star, oppure semplicemente siamo celebri per quindici minuti o fino a quando non ci scoprono che stiamo imitando qualcun altro, molto famoso. Ma ci siamo divertiti nel frattempo, ne è valsa la pena.

La semplicità dei discorsi è entusiasmante. Fotografa perfettamente l’America del tempo. Già, perché per Warhol la vera America sono gli Stati Uniti e non sente di fare torti alle altre nazioni del continente.

Ogni capitolo sembra scattato con una Polaroid, come se Warhol facesse click e con precisione apparisse la foto di quello che sta raccontando, a modo suo, di uno stato degli Stati Uniti e di tanti altri argomenti. Una critica sempre sopra le parti e assolutamente realistica tra le pagine. Sembra che Warhol esca fuori per raccontare a modo suo, la sua America.

AMERICA – FELTRINELLI – 2017

 

Leggi anche Triste America, Trump e La Mia Storia